Dismorfofobia. Il parere dello specialista

Come vi dicevo nell’articolo dedicato, ho consultato il parere di uno specialista sul problema che riscontro in alcuni pazienti operati di alluce valgo, per i quali l’estetica del piede diventa un problema serio.

Eccovi l’intervista fatta al Dott Giorgio Bambini (Imola), psichiatra e psicanalista di grande valore professionale sulla dismorfofobia:
“La Associazione Psichiatrica Americana descrive fra i disturbi somatoformi quello che viene chiamato Disturbo di Dismorfismo Corporeo o Dismorfofobia quale espressione di una esagerata preoccupazione per un difetto corporeo immaginario o di minima se non irrilevante entità.
La dismorfofobia è un disturbo molto diffuso anche se scarsamente osservato a livello psichiatrico quanto piuttosto negli ambulatori di dermatologi, di chirurgia otorinolaringoiatra e chirurghi plastici cui queste persone si rivolgono con l’obiettivo di correggere i presunti difetti. Difetti che non possono ovviamente essere corretti o per la loro inesistenza o per l’impossibilità per il paziente di essere soddisfatto, in quanto continuerà ad avere l’impressione che il disturbo persista, al di là di ogni tentativo razionale di valutazione.
Questo perché alla base vi è una distorsione della percezione di sé che resiste ad ogni correzione fisica possibile.
La parte corporea coinvolta può inoltre cambiare, nel corso della vita, per ogni singolo paziente, per cui è possibile trovare, ad esempio, persone che si fanno correggere il naso (spesso con risultati soggettivamente insoddisfacenti), per poi farsi correggere mani, piedi, rughe, alla inesausta ricerca di una immagine di sé mai corrispondente alla propria percezione.
L’unica terapia possibile per le persone affette da dismorfofobia, al di là di una eventuale terapia farmacologica per tratti depressivi sottostanti, è di tipo psicologico per permettere l’emersione e l’elaborazione di conflitti inconsci sottostanti, spesso di carattere emotivo ed affettivo, che non trovando posto nella coscienza della persona vengono continuamente spostati sulle varie parti del corpo coinvolte in un circolo vizioso inalterabile.”

Dismorfofobia. Il parere dello specialista was last modified: dicembre 22nd, 2015 by Fabio Lodispoto